Il centro storico di Morigerati presenta il caratteristico schema insediativo medievale, con strade strette che sboccano in slarghi sui quali si affacciano palazzi gentilizi.

L’abitato è dominato dal castello, poi palazzo baronale, costruito alla fine del XIII secolo ma che nel corso del tempo ha subito diverse trasformazioni, soprattutto tra la fine del Seicento e gli inizi del Settecento.

La chiesa-santuario di San Demetrio Martire, la cui origine si deve forse ai monaci italo-greci, fu riedificata nel XIV secolo e poi radicalmente trasformata tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. All’interno si conserva la Sacra icona di San Demetrio. L’ampio piazzale panoramico antistante la chiesa consente di ammirare un panorama che spazia su tutto il circondario.

Di notevole interesse è il Museo Etnografico della Civiltà Contadina, che conserva oltre 2000 oggetti di cultura materiale, importante testimonianza della cultura locale.

Nella valle del Bussentino va segnalata la presenza di un ponte medievale e una ferriera del XVIII secolo, di recente restaurata e trasformata in museo.

Morigerati: veduta del centro
Morigerati: palazzo baronale

 

Morigerati: palazzo baronale
Morigerati: la chiesa di San Demetrio Martire
Morigerati: interno della chiesa
Morigerati: sacra icona di San Demetrio
Morigerati: ponte medievale

 

Morigerati: ponte medievale